Ci risiamo anche quest’anno: il Corso per Tecnico Audio di Zerodieci Studio partirà il 31 ottobre 2016! Corso Tecnico Audio: per chi Il percorso è rivolto a tutti coloro che desiderano avvicinarsi al mondo dell’audio o vogliano acquisire competenze spendibili nel mondo professionale. L’ideale per chi desidera diventare un tecnico audio o aspira ad avviare una carriera di fonico. Il corso è adatto anche a chi nell’ambiente musicale lavora già: musicisti che vogliano saperne di più sull’audio e per produttori di musica elettronica. Corso Tecnico Audio: perché Se vuoi scoprire quali sono i segreti per produrre i tuoi brani; Se quando suoni live il soundcheck non è mai perfetto; Se non sai qual è il miglior microfono per la tua voce; Se vuoi tirare fuori il meglio dal tuo home studio; Se sei disperato per le tue basi con FL Studio; Allora non puoi mancare all’appuntamento! La strumentazione d’avanguardia di Zerodieci Studio, sia digitale che analogica, verrà utilizzata come sempre per lo svolgimento di esercitazioni pratiche nel corso delle lezioni, alternate ai momenti di lezioni classiche che forniranno le basi teoriche. Al termine del corso verrà rilasciato un attestato di partecipazione e ci saranno concrete possibilità di LAVORO come tecnico […] Read More
Ok, bello ed interessante il Corso per Tecnico Audio, ma... perchè farlo? Quali sono le principali competenze e capacità che si sviluppano? Quali i vantaggi concreti?Vediamolo insieme in questo approfondimento. Corso per Tecnico Audio: a chi è rivolto Sono molte le categorie di persone che ruotano attorno al mondo della musica e dello spettacolo a cui gli argomenti affrontati nel corso possono risultare utili.   Per chi vuol fare il FONICO come lavoro. Aprirsi una propria attività o sviluppare le proprie conoscenza sull'audio e crearsi una carriera riguardante ogni aspetto dell'audio, dalla registrazione alla produzione, dai concerti ai teatri, dalla radio al doppiaggio.   Per un MUSICISTA è indispensabile conoscere i fondamenti dell'audio, le differenze fra i microfoni, come si fa a riprendere il proprio strumento, i mezzi che si possono avere a disposizione per modificare il suono, riuscire a casa propria a realizzare una pre-produzione o auto-produzione con il proprio home studio.Inoltre, in questo modo è possibile produrre in totale autonomia video per Youtube e Facebook con audio di alta qualità, ormai fondamentali per la promozione sul web e i social media.   AL MUSICISTA LIVE, ovvero avere la competenza per migliorare il suono del proprio strumento, aiutare il proprio gruppo a "suonare meglio", […] Read More
Da Frank Sinatra a Diana Krall, da Ray Charles a Chick Corea, passando per i Toto, Quincy Jones, Michael Jackson, Paul McCartney, Madonna, Henry Mancini, Bill Evans, Al Jarreau, Yellowjackets, Miles Davis, Celine Dion… Potrei andare avanti tutto il giorno per scrivere la discografia di colui che in qualità di recording, mixing engineer e produttore ha fatto la storia della musica pop-jazz di questo pianeta. Il suo nome è Al Schmitt, e questo è il diario di una settimana passata con lui. Day 1: Mattina, osservo arrivare i miei colleghi dalla finestra di camera mia, che guarda direttamente il parco, ci presentiamo, mangiamo assieme e ci rechiamo in studio. L’organizzatore ci chiede se siamo pronti ad iniziare, quindi esce per cercare Al e portarlo in studio. Invece Al si palesa da solo dalla porta laterale e si siede con noi senza dare nell’occhio, lentmente ci accorgiamo di lui e ci salutiamo con grande emozione. Al Schmitt ci prega di fargli più domande possibili perchè lui è qui con noi per condividere la sua esperienza e vuole che questa settimana sia il più possibile intensa per tutti. Timidamente iniziamo a fargli domande suo proprio modo di lavorare, sull’essenza del suo approccio alla registrazione e da subito inizia con delle rivelazioni che io ritengo […] Read More
Jimi Hendrix, The Rolling Stones, Led Zeppelin, AC/DC, Kiss, Santana…Sono solamente alcuni dei nomi il cui suono è stato modellato da quest’uomo che dal 1962 ha fatto la storia del rock mondiale. Questo piccolo blog giornaliero vuole riportarvi la mia esperienza con Eddie Kramer durante la settimana di workshop full time. Ah, dimenticavo… vi ricordate il singolo dei Beatles All You Need Is Love? Ecco…  😉 Day 1: L’impatto con la leggenda è stato il migliore possibile, mentre con i miei colleghi eravamo all’esterno dello studio, a goderci una mattinata meravigliosa, Eddie, con passo veloce ci guarda e dice: “Hey guys, you all suck!! See ya later…”. Amore a prima vista…!!!!  😉 Il resto del pomeriggio lo abbiamo passato insieme con una panoramica sui suoi lavori più significativi degli ultimi 50 anni, con aneddoti tecnici e di vita vissuta, per poi culminare con l’ascolto di alcuni suoi dischi storici, il tutto però separatamente, traccia per traccia, anche dove originariamente le tracce erano solo tre. Eddie ci ha fatto giurare di non dire a nessuno che cosa abbiamo ascoltato ed eviscerato in multitraccia, ed’è esattamente quello che farò. L’unico commento che posso fare è il seguente: pelle d’oca. Day 2: Alla ricerca del suono “Kramer”, un insieme di tecniche di ripresa […] Read More
Cari amici e lettori, sono stato molto latitante per concludere questo terzo (e finale) capitolo sul mastering perchè volevo portare alla vostra attenzione un articolo che ho letto e che volevo tradurvi. Finalmente con la benedizione dell’autore, eccovi la conclusione dei mio pensiero sul mastering e Loudness War. R_     La Loudness War è finita. Come possiamo adattarci al futuro post-loudness ? Ero all’AES di San Francisco lo scorso Novembre e sono tornato con rinnovata speranza per il futuro dell’indistria musicale. Non solo da una prospettiva affaristica, ma anche dalla prospettiva della qualità delle registrazioni. A parte le solite discussioni sull’attrezzatura e le tecniche di registrazione, c’erano parecchi argomenti riguardanti i download digitali ad alta risoluzione che sorpassano i CD come formato dominante per i prossimi anni. L’ottimismo cresce sempre di più e molti fonici stanno prendendo la via per buttarsi alle spalle la Loudness War. Aspetta, la Loudness War è finita?? Beh, ci sono ancora parecchi “soldati” che non hanno ricevuto il messaggio, ma la macchina è in moto, adesso è solamente questione di tempo. Consideriamo che: L’attuale Loudness War è un prodotto del formato CD e della capacità di suonare una canzone dal CD “A” al CD “B”. […] Read More
Veniamo dunque alla parte più importante e famigerata del processo di mastering, ovvero come si ottiene il volume finale del CD e quali sono i rischi a cui andiamo incontro. Vi ricorderete che quando copiavamo i dischi in vinile sulle audio cassette cercavamo di registrare con un volume piuttosto alto, con il VU meter che oscillava tra i +3 ed i +6 decibel, proprio perchè la resa del nastro era ottimale. Se andavamo oltre, gradualmente iniziava una leggera distorsione, che aumentava con l’alzarsi del livello di registrazione. La cosa più importante da sapere per capire questo argomento, è che al contrario del nastro analogico, il CD (e l’audio digitale più in generale) ha un limite fisico invalicabile per quanto riguarda il volume massimo fissato a 0 dBfs (zero decibel full-scale), oltre non si va. Ma quindi com’è possibile aumentare il volume “apparente” di un CD rispetto ad altri? Basta ingannare l’orecchio, ed attraverso un compressore, innalzare il livello di tutto l’audio che originariamente aveva una dinamica più bassa. In questo modo, la pressione sonora avvertita è maggiore e quindi SEMBRA che il CD suoni ad un volume più alto. La gravissima controindicazione è la perdita della dinamica originale dei brani, […] Read More
Lasciamo perdere per un po’ le polemiche e la guerra con Avid per parlare di un argomento decisamente più tecnico, il mastering. Con questo termine si intendono tutte le tecniche utilizzabili per ottimizzare il mix di un brano o di un album agendo su diversi parametri ed eventualmente correggendo equalizzazione, pressione sonora percepita, immagine stereo, profondità e a volte anche i livelli di alcuni strumenti o voci. Il mastering si è iniziato ad usare dopo l’invenzione del nastro magnetico, perchè si era notato che dopo il mix, se si sottoponeva l’audio ad un ulteriore trattamento dinamico e di equalizzazione, il prodotto finito migliorava ulteriormente, garantendo un più ampio successo commerciale. Ai giorni nostri il mastering può essere fatto con successo sia in analogico, usando macchine straordinariamente belle quanto costose, sia in digitale con i plug-ins. Ovvio ma doveroso dire che in ogni caso la differenza qualitativa verrà fatta dalle orecchie del mastering engineer, non tanto dall’utilizzo di analogico o digitale. Vediamo quindi dove e come si può intervenire con il mastering riferendomi al trattamento del singolo brano. Equalizzazione, ovvero cambiare il “colore” del brano attraverso equilibri differenti fra le varie frequenze, eliminazione di suoni (armoniche) indesiderate, utilizzo creativo e dinamico […] Read More
( TRADUZIONE ITALIANA IN FONDO ) In Italian, the word “Avido” means “Greedy” in English. In Italian, the word “cara” means both “dear” and “expensive”. So, the best way to start this open letter is: Cara Avid, something wrong is happening between you and your customers. After the announced release of the unexpected Pro Tools 10 and the new HDX hardware, the price for upgrades and exchanges, users started to feel very upset and organize them self to strongly express to Avid their mood and their reasons. . Let me introduce myself: I own and run the leading commercial recording studio in Genova, Italy, I’m on the business since 1998, and Pro Tools user since version 4.2, so I consider myself a Pro Tools expert (even if I don’t have any unuseful Avid certification). Yearly, I keep Audio Engineering Courses, training from 20 to 30 new engineers per year since 2005. Many of my students bought an LE system because it’s the platform used in my studio and because I always supported Avid and their products (you’re welcome). UNTIL NOW. To be more effective and clear to express my ideas, and why I’ve joined the Avid’s war, I’ll be quite […] Read More
Colpevole. Mi dichiaro colpevole del reato di truffa nei confronti del pubblico. Rendo bravi CANtanti stonati e sgraziati, correggo le note dei chitarristi, dei bassisti e di qualsiasi altro musicista, metto a tempo i colpi dei batteristi modificandone intenzione e groove. Insomma, posso fare quello che voglio e trasformare un’esecuzione molto scadente (per non dire inascoltabile) in qualcosa di bello e piacevole. Quanto è giusto tutto ciò? Dove risiede il confine tra arte e truffa?? Vediamo di arrivarci per gradi… UN PO’ DI STORIA Sono stato uno degli ultimi fortunati ad imparare il mestiere del fonico su macchine analogiche, mixer veri, non “telecomandoni digitali”, registratori dove le tracce erano limitate e quelle ai bordi del nastro erano riservate al time code, apparecchi nei quali quando dovevi fare un taglio, in effetti usavi proprio una taglierina… A quei tempi (manco parlassimo di ere geologiche), gli studi di registrazione avevano costi enormi, e di conseguenza erano poche le persone che potevano permettersi di registrare un disco. Non esisteva nessun sistema di “correzione”, al massimo risuonavi la parte fino ad azzeccare quella più bella ed emozionante. L’equazione che ne deriva è semplice: Costi altissimi + Nessun tipo di “modifica” = Solo i migliori […] Read More
Qualcosa di importante sta accadendo fra Avid, azienda produttrice di Pro Tools ed i propri clienti, incluso il sottoscritto. L’inaspettata uscita della versione 10, con un prezzo dell’upgrade incredibilmente alto, l’uscita del nuovo hardware HD (chiamato HDX) con un prezzo per l’exchange anche questo assurdo, più una serie di altri fattori sta facendo inferocire tutti gli utenti, con gravi conseguenze per Avid ed il suo futuro. Fortissime proteste unite ad insulti hanno preso vita sulla pagina FB di Avid, tanto da spingerli a fare una mossa davvero triste, mettere visibili di default solo i propri post, e quindi APPARENTEMENTE dimostrare che è tutto a posto. Hanno fatto in modo di censurare dei post negativi nei loro confronti anche su Gearslutz, il più importante forum di audio pro in inglese. Roba brutta, molto brutta. Andate a vedere cosa succede sulla pagina Facebook di Avid, cliccate su “Bacheca – Tutti (più recente)” per vedere che putiferio di insulti si stanno beccando. Non c’è bisogno di cliccare su “Mi Piace”, potete visualizzare comunque la bacheca. Questo il link Vediamo i motivi di questa inedita e forte protesta. Pro Tools 9 è uscito da pochi mesi come upgrade a pagamento ed’è una versione piena […] Read More